Il comune di Bonassola si trova in un golfo della costa ligure di levante, racchiuso da una cerchia collinare di pini marittimi e tipici terrazzamenti di uliveti e vigneti per la coltivazione agricola. Fondato su una piana alluvionale e disteso per circa cinque chilometri, il territorio comunale è costituito da sette borghi storici, frazioni bonassolesi: nella zona occidentale, alle pendici del monte Brino si trovano i centri di Montaretto e Reggimonti; sovrastante il golfo bonassolese si trovano le comunità di San Giorgio, Costella e Serra; nella parte orientale, verso Levanto e in prossimità del monte Rossola, i nuclei di Poggio e Scerno per un totale di 9,31 chilometri quadrati. Dista circa 56 chilometri ad ovest della Spezia e 78 chilometri ad est di Genova.

Confina a nord con il comune di Framura, a sud è bagnato dal mar Ligure, ad ovest con Levanto e ad est con Framura e il mar Ligure.

L'economia di Bonassola è basata ovviamente sul turismo, trovandosi in prossimità della meta turistica delle Cinque Terre. Nelle colline del Bonassolese vi sono inoltre numerosi vigneti e uliveti.

Nei secoli passati attiva era l'estrazione mineraria della pirite la cui presenza nel territorio era concentrata maggiormente nella frazione di Scernio. Già alcuni documenti del 1285 attestano infatti tale estrazione da parte della popolazione della vicina Levanto; l'estrazione, ripresa nel XIX secolo, si interruppe definitivamente nel 1930.

Il centro di Bonassola è attraversata principalmente dalla strada provinciale 39 che gli permette il collegamento con la provinciale 64 al bivio di Scernio. Il comune non è raggiungibile direttamente tramite autostrada, pertanto i caselli autostradali di Deiva Marina, a nord, e Carrodano-Levanto, a sud, sull'autostrada A12 sono le uscite consigliate per raggiungere la destinazione.

Bonassola è dotata di una propria stazione ferroviaria sulla linea Pisa-La Spezia-Genova nel tratto locale compreso tra Genova e La Spezia.

 

Panorama Bonassola 01.jpg    Panorama Bonassola 03.jpg  Panorama Bonassola 02.jpg

 

Posta in un’insenatura nella Riviera ligure di Levante, Framura è una bella località marittima situata tra i comuni di Bonassola e Deiva Marina, intervallata da scogliere e di insenature con spiagge raggiungibili percorrendo brevi sentieri e stabilimenti balneari in località Fornaci.

 
Storicamente fu possedimento dell’Abbazia di San Colombano di Bobbio, dei Da Passano, dei Fieschi, dei Malaspina e della Repubblica di Genova.

 
Framura è un nome collettivo, non un nucleo esatto. Comprende cinque cinque frazioni principali: Anzo, Ravecca, Setta, Costa, Castagnola poste tra mari e monti. Ad Anzo si trovano la torre di guardia genovese del XV secolo e la chiesa di Nostra Signora della Neve, con belle tele di Cristo alla Colonna del XVI secolo e una Madonna con Bambino San Giovanni Battista e San Sebastiano XVII secolo.

Più in su, lungo la carrozzabile si trovano Ravecca, con la Cappella dei Santi Bernardo e Pasquale; Setta, sede comunale, impreziosita dalla torre di guardia genovese e dalla cappella di San Rocco; Costa, la frazione più importante storicamente, dove sorgono una torre di guardia di epoca carolingia e la pieve di San Martino, addossatta alla torre stessa, abbellita internamente dalla Madonna del Rosario con i Santi Domenico e Carlo Borromeo di Bernardo Strozzi e un pulpito in marmi policromi. 


A nord del territorio si trova infine Castagnola, con la chiesa di San Lorenzo, dove si conserva la tela della Deposizione di Luca Cambiaso.

Tratto da riviera-ligure.org

 

20140729_162824.jpg

Framura si trova nella Riviera Ligure di Levante, a brevissima distanza dalle famose Cinque Terre e a pochi chilometri dalla splendida Portofino, tra il comune di Deiva Marina a ovest, e quello di Bonassola a est.
Un castellaro preistorico sul Monte Vigo, cinque frazioni su una costa di rocce verticali, lecci, pinete e vigne, vecchie cave di marmo, scogliere, piccole spiagge di ciottoli.

Tutto questo è Framura!


L’originalità dell’abitato di Framura, consiste nella sua caratteristica disposizione geografica: Framura infatti è il nome collettivo delle 5 piccole frazioni di cui è composto il Comune, le quali si estendono dal mare verso l’interno, lungo una ripida scalinata che le collega.


Partendo dal lido si incontra Anzo, frazione caratterizzata da una torre di guardia genovese del XV secolo e dalla cappella neogotica di Nostra Signora della Neve. Proprio sotto l’abitato di Anzo si trova la Stazione Ferroviaria di Framura. Tra la stazione e la panoramica Punta dei Marmi si trova il porticciolo del paese.

La seconda frazione è Ravecca, i cui edifici denotano una chiara impostazione medievale, e dove proseguendo si incontra la Cappella dei SS. Bernardo e Pasquale.
La sede del Comune di Framura si trova a Setta, protetta da un’altra torre di guardia genovese, anch’essa del XV secolo. A Setta si può ammirare anche la Cappella di San Rocco, la cui facciata è stata ristrutturata di recente.


La frazione di Costa è l’abitato che presenta le caratteristiche artistiche più rilevanti: vi si può ammirare infatti una torre carolingia di straordinaria robustezza risalente al IX secolo, oltre che la Pieve di San Martino che conserva gelosamente anche un dipinto del famoso pittore genovese Bernardo Strozzi.

Al termine della visita a Framura si raggiunge Castagnola, dove degna di nota è la parrocchiale di San Lorenzo, in cui è custodito il dipinto “La Deposizione” di Luca Cambiaso, famoso pittore del XVI secolo nato a Moneglia e che divenne celebre per i suoi dipinti all’Escorial di Madrid.

Tratto da Framura.eu

 

 

Riomaggiore
Riomaggiore
Monterosso
Corniglia
Vernazza
Levanto
Spiaggia
Levanto
Torre dell'Orologio
Monterosso
Torre Medioevale
5 Terre
Gruppo di case tipiche
Framura
Rocce rosse
Vernazza
Panorama

Pista ciclopedonale Maremonti

  • Ciclopedonale Maremonti la pista ciclabile sul mare che collega Levanto Bonassola e Framura
  • In questa sezione potete trovare una galleria di immagini dedicata alla pista ciclabile. https://www.ciclopedonalemaremonti.com/index.php/it/galleria-fotografica